Cumuli coltivazione Boschi del Castagno

Sperimentazioni , wwoofing e riuso

Sperimentazioni , wwoofing e riuso

 

Siamo quassù in Valmorel da ormai quasi 15 anni, tempo in cui abbiamo perfezionato sempre più i nostri saperi.

Le pratiche agricole si sono via via migliorate, adattandosi alle nostre esigenze, a quelle ambientali, di azienda e di famiglia.

Abbiamo esplorato, e continuiamo a farlo, nuovi orizzonti di uso cosciente della terra grazie a corsi, libri, convegni e condivisioni tra colleghi.

C’è sempre da imparare!

 

Un posto speciale nella nostra evoluzione spetta ai wwoofers, viaggiatori curiosi che con le loro domande, la loro sana inesperienza e le loro diverse conoscenze, sono una fonte preziosa di ulteriori aggiornamenti.

Sono loro i maggiori responsabili del far circolare esigenze, saperi e pratiche di una nuova agricoltura contadina, attenta al futuro di noi tutti.

 

L’amico Omar, con la sua lunga attività diretta nel campo della Permacultura ed altre pratiche a basso impatto, ci ha dato l’occasione di sperimentare due novità: il cumulo in base alla Hugelkultur di Sepp Holzer e la coltivazione elementare di G. Carlo Cappello.

 

In queste pratiche la lavorazione della terra si riduce di molto in termini di tempo e fatica, e vengono riusati quelli che solitamente sono considerati scarti difficili da smaltire.

Noi abbiamo colto l’occasione per impiegare le ramaglie, ricavate dal massiccio taglio di alberi in seguito all’uragano di ottobre, e il fieno vecchio già in macerazione.

Approfittando dei materiali già presenti in zona e con l’aiuto dei viaggiatori che sono qui da noi in questo periodo, ci siamo risparmiati lo sforzo del trasporto e movimentazione dei materiali.

Abbiamo creato cumuli di due diversi tipi, sui quali crescerà la verdura seminata: insalate, cavoli, patate e bietole sono già state messe a dimora, ora non ci resta che aspettare.

Siamo curiosi e fiduciosi mentre vigiliamo sulla crescita dei vegetali.

 

La nostra famiglia Wwoof ci aiuta sempre da molti punti di vista!

Noi ci sentiamo molto grati per questo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top